Terrà Blog

Nasce il “Patto”, l’Europa scommette sulle zone rurali

Le zone rurali sono un fattore fondamentale per l’Ue in quanto producono alimenti, tutelano il patrimonio e proteggono i paesaggi. A oggi infatti, di oltre l’80% delle zone rurali, il 40% è dedicato all’agricoltura. Tuttavia, però, hanno subito perdite di popolazione, cambiamenti strutturali nell’agricoltura e nella silvicoltura, invecchiamento ed erosione dei servizi e delle infrastrutture, diminuzione dell’occupazione e dei redditi e un divario digitale urbano rurale ancora significativo. Il 30 giugno 2021 la Commissione europea ha adottato la comunicazione una visione a lungo termine per le zone rurali dell’UE ‘Verso zone rurali  più forti, connesse, resilienti e prospere entro il 2040’. La comunicazione è incentrata sulle persone e fa parte del lavoro della Commissione su democrazia e demografia. La comunicazione è accompagnata da un Piano d’Azione, che delinea i principali strumenti di investimento nelle zone rurali, e propone azioni che coinvolgano tutte le politiche dell’UE.

Inoltre, la comunicazione introduce una nuova iniziativa fondamentale, il Patto rurale, che mira a “mobilitare le autorità pubbliche e le parti interessate per agire sui bisogni e le aspirazioni dei residenti rurali ”. Queste aspirazioni sono descritte attraverso dieci obiettivi condivisi, che sono il risultato di ampie consultazioni partecipative e processi di coinvolgimento degli stakeholder. Il Patto rurale dovrebbe essere sviluppato con tutti i livelli di governance e le parti interessate a sostegno degli obiettivi condivisi della visione.

L’obiettivo del Patto

L’iniziativa europea intende promuovere la coesione territoriale e creare nuove opportunità per attrarre imprese innovative, creare posti di lavoro di qualità, promuovere nuove e migliori competenze, garantire migliori infrastrutture e servizi, e promuovere l’agricoltura sostenibile. Particolare attenzione a donne e giovani. Tenendo conto anche delle varietà geografiche del territorio europeo, le zone rurali dovranno essere più facilmente raggiungibili, grazie anche al miglioramento dei servizi di trasporto pubblico, così come anche delle infrastrutture digitali. Saranno più resilienti ed ecosostenibili, più resistenti al cambiamento climatico, ai rischi naturali e alle crisi economiche. Ed ecco i 10 obiettivi condivisi delineati nella visione a lungo termine per le aree rurali dell’UE riassumono le aspirazioni comuni delle comunità rurali e delle parti interessate affinché le aree rurali nel 2040 diventino:

1 Spazi attraenti, sviluppati in uno sviluppo territoriale armonico, sbloccando il loro potenziale specifico, rendendoli luoghi di opportunità e fornendo soluzioni locali per aiutare ad affrontare gli effetti locali delle sfide globali. 
2 Impegnato nella governance multilivello e basata sul luogo, sviluppando strategie integrate utilizzando approcci collaborativi e partecipativi, beneficiando di mix di politiche su misura e interdipendenze tra aree urbane e rurali. 
3 Fornitori di sicurezza alimentare, opportunità economiche, beni e servizi per la società in generale, come materiali ed energia a base biologica, ma anche prodotti locali di alta qualità basati sulla comunità, energia rinnovabile, mantenendo una quota equa del valore generato. 
4 Comunità dinamiche incentrate sul benessere, compresi i mezzi di sussistenza, l’equità, la prosperità e la qualità della vita, in cui tutte le persone vivono e lavorano bene insieme, con un’adeguata capacità di sostegno reciproco. 
5 Comunità inclusive di solidarietà intergenerazionale, equità e rinnovamento, aperte ai nuovi arrivati ​​e che promuovono le pari opportunità per tutti. 
6 Fonti fiorenti della natura, valorizzate e che contribuiscono agli obiettivi del Green Deal, tra cui la neutralità climatica , nonché la gestione sostenibile delle risorse naturali. 
7 Beneficiare appieno dell’innovazione digitale con pari accesso alle tecnologie emergenti, alfabetizzazione digitale diffusa e opportunità di acquisire competenze più avanzate. 
8 Persone imprenditoriali, innovative e qualificate, che co-creano progresso tecnologico, ecologico e sociale. 
9 Luoghi vivaci dotati di servizi pubblici e privati ​​efficienti, accessibili e convenienti, compresi i servizi transfrontalieri, che forniscono soluzioni su misura (come trasporti, istruzione, formazione, sanità e assistenza, compresa l’assistenza a lungo termine, la vita sociale e il commercio al dettaglio). 
10 Luoghi della diversità, che valorizzano le proprie risorse, talenti e potenzialità uniche. 

La Commissione supporterà tutte le parti interessate al Patto Rurale ed effettuerà regolarmente verifiche rurali per monitorare l’impatto e gli esiti. Verrà pertanto istituito un Osservatorio Rurale per migliorare ulteriormente la raccolta e l’analisi dei dati sulle zone rurali.

osservatorio.neorurale@regione.sicilia.it

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Post a Comment

You don't have permission to register