Terrà Blog

Imprenditori 10 & Lode
Alberelli di Sicilia, la Tenuta Bastonaca riscopre l’amore delle antiche popolazioni latine. E ora scommette su Pantelleria

di Gianna Bozzali

È il sistema di allevamento ad alberello il filo conduttore delle scelte enologiche dell’azienda vittoriese Tenuta Bastonaca, scelte legate alle antiche e radicate pratiche agricole ma orientate ad una produzione fresca e moderna dei vini tanto da aver racchiuso nel nome “Alberelli di Sicilia” il personale progetto di recupero di un sistema di impianto delle viti tanto amato dalle antiche popolazioni latine. Oggi sono 18 gli ettari di vigneti dell’azienda fondata nel 2007 da Silvana Raniolo e dal marito Giovanni Calcaterra.

Un passato per entrambi intriso dei profumi del vino avendo lavorato lei in una nota azienda del posto e lui, avvocato, nella cantina di famiglia. Un incontro per motivi di lavoro ed è da lì che dialogando proprio di vino nacque la storia di una nuova famiglia. Nel 2007 il desiderio di rendere concreto il sogno di un’azienda propria si realizzò con l’acquisto di diverse particelle di terreno in contrada Bastonaca, nel cuore del territorio del Cerasuolo di Vittoria Classico, nel vittoriese. Ritroviamo qui il Nero d’Avola, il Frappato, il Grillo ma anche un tocco d’innovazione con il Grenache ed il Tannat, in quantitativi questi minori, che si elevano verso l’alto nei tipici “alberelli” crescendo appoggiati alle canne.

Una visione di agricoltura naturale, dove non si fa irrigazione, si lavora in biologico, facendo in modo che la terra rossa sia insieme al suo calore l’elemento unico che contraddistinguerà i vini. Oggi, come detto, gli ettari sono 18. Ai circa 15 ettari iniziali, cui si aggiunsero alcuni anni fa i due di Solicchiata (nel versante nord dell’Etna) se ne è aggiunto di recente un altro: quello di Pantelleria, in contrada Mueggen. Silvana e Giovanni hanno deciso di puntare anche su Pantelleria perché attratti da un legame antico con l’isoletta trapanese.

Silvana Raniolo e Giovanni Calcaterra

Il ricordo, sempre vivo, del primo viaggio insieme a Pantelleria, lo stupore per la bellezza delle viti ad alberello che crescono quasi radenti al suolo e la scommessa di continuare a salvaguardare l’antica coltivazione della vite ad alberello, li ha portati all’acquisto di un vigneto di viti centenarie di Zibibbo, vitigno dal carattere eroico capace di crescere tra le ostilità di un terreno aspro e scosceso ma allo stesso tempo unico. Spetterà ora all’enologo ed agronomo, Benedetto Alessandro, che li segue ormai da diversi anni, tramutare questa loro scommessa in vini seguendo lo stile enologico che contraddistingue l’azienda: vini territoriali ma freschi e moderni, capaci di incontrare anche i gusti dei consumatori più giovani. Lo Zibibbo di Tenuta Bastonaca sarà pronto a partire dalla prossima vendemmia e, grande novità, sarà in una versione secca e non passita.

Vigneti e cantina contrada Bastonaca 97019 Vittoria (Ragusa) – www.tenutabastonaca.it

Gianna Bozzali

Originaria di Vittoria (Ragusa). Una laurea in Scienze e Tecnologie Alimentari e tante esperienze maturate nel mondo della comunicazione enogastronomica, sia in tv, sia grazie alla collaborazione con testate giornalistiche di settore. Giornalista e critico gastronomico, esperto assaggiatore Onav, è da anni PR ed ufficio stampa del Consorzio di Tutela del Cerasuolo di Vittoria DOCG. Spesso veste anche il ruolo di Docente di comunicazione gastronomica in diversi corsi di settore. Ama narrare le storie più semplici come quelle dei casari, dei contadini e dei vignaioli perché anche il più sconosciuto dei produttori merita di essere “ascoltato”.

Gianna Bozzali

Originaria di Vittoria (Ragusa). Una laurea in Scienze e Tecnologie Alimentari e tante esperienze maturate nel mondo della comunicazione enogastronomica, sia in tv, sia grazie alla collaborazione con testate giornalistiche di settore. Giornalista e critico gastronomico, esperto assaggiatore Onav, è da anni PR ed ufficio stampa del Consorzio di Tutela del Cerasuolo di Vittoria DOCG. Spesso veste anche il ruolo di Docente di comunicazione gastronomica in diversi corsi di settore. Ama narrare le storie più semplici come quelle dei casari, dei contadini e dei vignaioli perché anche il più sconosciuto dei produttori merita di essere “ascoltato”.

©RIPRODUZIONE RISERVATA

Post a Comment

You don't have permission to register